Compagnia Scimmie Nude

Danza alla rovescia

Insurrezione fisica

danza-alla-rovescia-elastici (1)
maschere

Uno spettacolo di Gaddo Bagnoli

con Claudia Franceschetti

musiche di Sebastiano Bon e Francesco Canavese

costumi di Ilaria Parente

realizzazione scenografica di Andrea Cavarra

foto Margherita Busacca

video Lisa Cerri

realizzazione grafica Studio Grafico Image

produzione Scimmie Nude

danza_rovescia_phMB-uso-stampa-

Lo spettacolo ha debuttato il 9 aprile 2014 al Teatro della Contraddizione di Milano

all’interno della Stagione Sperimentale Europea 2013/2014.

Segnalazione 2014 di Saltinaria.it tra i migliori spettacoli e le migliori interpretazioni dell’anno

(http://www.saltinaria.it/news-spettacoli/teatro-news/classifica-teatro-saltinaria-2014.html).

Selezione 2015 High Fest International Performing Arts Festival a Yerevan (Armenia).

DANZA ALLA ROVESCIA è ispirato all’opera di Antonin Artaud ed è un omaggio alla sua poetica;  è un viaggio nei percorsi criptici dell’anima fragile e crudele di questo misterioso e meraviglioso autore.

Un non-luogo, dove solo un vecchio letto di ferro con una rete elastica, un secchio e un piccolo sgabello rappresentano tutto il mondo esteriore ed interiore di una donna sola, alla disperata ricerca di un senso per esistere.

LO SPETTACOLO

L’attrice si muove nello spazio onirico ed allucinato del mondo poetico di Artaud, luogo che ci ricorda, forse, la stanza del manicomio di Rodez dove Artaud è stato segregato, ma anche la stanza di Van Gogh, le camere d’albergo di Rimbaud e Verlaine, o un qualsiasi altro luogo dove un’anima sola combatte gli spettri della propria esistenza e, avvolta dai vapori delle sue percezioni, vive solo il presente.

E’ una indagine sul rapporto di conoscenza tra noi ed il mondo che ci circonda, in un confronto continuo tra la vita ed il pensiero della vita.

In questo labirinto i rapporti, oggetto e soggetto, forma e significato, corpo ed anima, vengono rimessi in discussione e assieme al corpo si destruttura anche il linguaggio di “senso logico”, a favore di una comunicazione basata su percezioni fisiche ed emotive. Non vengono eliminate le parole, ma la poesia del “discorso logico” viene sostituita  con la poesia dello spazio, del corpo e del suono, in modo che le parole acquistino oltre al loro senso grammaticale una valenza vibratoria che diventa fisica, materica e che supera il senso stesso che di solito attribuiamo loro.

Una  poesia dello “spazio” che vibra leggera e potente nel cuore dello spettatore senza bisogno del senso e lo sospende tra gesto e pensiero.

Lo spettatore viene infatti catapultato in questo mondo attraverso un processo di sublimazione continua: trasformazioni fisiche, variazioni emotive estreme e repentine, reazioni sensoriali crude ed abbandoni delicati e sognanti, obbligano il lavoro d’improvvisazione dell’attrice a concretizzarsi in una partitura di scena composta da un’architettura precisa e caotica allo stesso tempo: gesti, parole, suoni, azioni, musica, danza, si mescolano per formare un unico plasma teatrale incandescente.

Allo spettacolo il compito di portarci, non dove dobbiamo ancora una volta capire, ma dove possiamo percepire l’invisibile, intuire quello che sta al di là di ogni esperienza già vissuta o già pensata, al di là del ricordo e del pregiudizio, altrove da noi stessi.

NOTE DI REGIA

“Antonin Artaud” afferma Gaddo Bagnoli , direttore artistico della compagnia Scimmie Nude, “è da sempre stato il principale ispiratore per la poetica, per la tecnica e per la drammaturgia della compagnia. E in particolare il suo lavoro sulla Crudeltà.Crudeltà, non intesa nell’accezione fisica e rapace che di solito le si attribuisce, ma come qualcosa di estremo, di totalizzante, nel bene e nel male. Dal punto di vista dello spirito, crudeltà significa rigore e determinazione irreversibili, assolute”.

“Danza alla Rovescia arriva quindi dopo uno studio di anni su Artaud e l’intento è stato quello di avvicinarsi a questo grande poeta del corpo, concentrandosi in particolare sull’analisi tra il corpo e lo spirito, tra il dentro e il fuori. Danza alla Rovescia per Artaud significa infatti reinventare il corpo per riscoprire una vita nuova”.

“Anche in Danza alla Rovescia, come per tutti  gli spettacoli delle Scimmie Nude, il Teatro si coniuga con la Danza, il nostro è un teatro fisico in cui  la partitura fisico vocale nasce da studi d’improvvisazione proposti da me e tradotti fisicamente nello spazio dalla creatività dell’attrice.”

“Artaud ha scritto in odio a tutto quanto sta fuori dalla purezza originaria dell’individuo (famiglia, religioni, istituzioni, società, perfino alle cosiddette leggi naturali), lo ha fatto perché si sentiva, come tutti gli uomini, braccato dal dramma del quotidiano, dove si accetta di vivere come si vive, senza possibilità di riscatto, senza possibilità di assoluto. Il suo teatro può apparire difficile ed intellettuale, ma è un teatro fatto di  carne, sangue, muscoli, secrezioni, visioni mostruose e sublimi. I suoi eroici furori sono stati la nostra guida in questo luminoso viaggio.”

Rassegna stampa

“Danza alla Rovescia più che uno spettacolo è un’esperienza che coinvolge i sensi; li coinvolge e li stravolge in un corpo a corpo – macabro e vitale, tragico e ironico – tra palco e platea.”  

(Francesco Mattana, SaltinAria.it) 

“La parola si fa fisica come il corpo e il corpo si fa etereo come la parola, si invertono e si fondono questi due linguaggi a crearne uno nuovo.”        

(Azzurra Scattarella, temperamente.it)

“Uno shock interattivo tra interprete e pubblico.”     

(Claudio Elli, puntoelineamagazine.it)

“Uno spettacolo da vivere – di pancia, quasi – e da fruire – musicalmente, quasi -, più che da capire – intellettualmente -;

uno spettacolo in actu.”        

(Francesca Romana Lino, fattiditeatro.it-platealmente.it)

Repliche

Teatro della Contraddizione, dal 9 al 24 aprile 2014, Milano

It Festival, 3-4 maggio 2014, Milano

Festival Ex Polis, 6 maggio 2014, Milano

Spazio AitĂ , 21-22 febbraio 2015, Brescia

Magnifico Teatro Visbaal, 15-16 maggio 2015, Benevento

High Fest International Performing Arts Festival, 2 ottobre 2015, Yerevan (Armenia)

Spazio Scimmie Nude, 28 febbraio 2016, Milano

Rassegna Mat, Teatro Foce, 2 maggio 2016, Lugano

Pressione Bassa, Spazio AitĂ , 25-26 novembre 2016, Brescia

Spazio Scimmie Nude, 27 novembre 2016, Milano

Spazio Scimmie Nude, 17 dicembre 2017, Milano

Spazio Scimmie Nude, 13 gennaio 2019, Milano