Milano, 25 settembre 2015 – Il regista fiorentino Gaddo Bagnoli, direttore artistico della compagnia teatrale Scimmie Nude di Milano, che proprio lo scorso finesettimana è tornato in terra toscana per uno spettacolo a Teatro di Nascosto a Volterra, parteciperà ad HIGH FEST International Performing Arts Festival in Armenia.

Lo spettacolo “DANZA ALLA ROVESCIA”, monologo di Gaddo Bagnoli con Claudia Franceschetti è stato infatti invitato a partecipare al programma principale della tredicesima edizione del Festival che si terrà a Yerevan, in Armenia, dal 1 al 8 ottobre.

L’importante partecipazione si aggiunge alla prestigiosa segnalazione avuta nel 2014 quando “Danza alla Rovescia” è stato indicato dal sito nazionale di critica teatrale “SaltinAria” come uno dei migliori spettacoli della stagione e delle migliori interpretazioni femminili. Gaddo Bagnoli non è nuovo a partecipazioni internazionali: al Fit Festival in Canada nel 2013 ricevette un riconoscimento internazionale per lo spettacolo “Pauraedesiderio”, scritto e diretto sempre da Bagnoli, che nel 2013 è stato premiato dal pubblico come migliore spettacolo del festival.

Gaddo Bagnoli in realtà non è l’unico elemento fiorentino di Scimmie Nude: dal 2003, anno della fondazione della compagnia, i musicisti e compositori fiorentini Sebastiano Bon e Francesco Canavese compongo infatti tutte le musiche degli spettacoli della compagnia. Loro le musiche anche di “Danza alla Rovescia”.

La partecipazione al Festival in Armenia si completa con un seminario internazionale sulla metodologia di Scimmie Nude che il direttore artistico Gaddo Bagnoli, insieme all’attrice Claudia Franceschetti, terrà per gli studenti.

HIGH FEST International Performing Arts Festival dal 2006 è dichiarato come “il principale festival di teatro degli ex paesi sovietici (eccettuando la città di Mosca). Sono attesi all’evento  più di 400 partecipanti (tra artisti e ospiti vip) da più di 30 paesi (Russia, Gran Bretagna, Francia, Usa, Austria, Germania, Svezia, Spagna, Olanda, Israele, Belgio, Kazakhstan, India, Giappone, Singapore e altri paesi).”

 

Lo spettacolo andrà in scena

VENERDI’ 2 OTTOBRE

HAMAZGAIN THEATRE

YEREVAN (ARMENIA)

26 Amiryan Street

 

 

DANZA ALLA ROVESCIA

Insurrezione fisica

DANZA ALLA ROVESCIA è un ispirato all’opera di Antonin Artaud ed è un omaggio alla sua poetica; è un viaggio nei percorsi criptici dell’anima fragile e crudele di questo misterioso e meraviglioso autore. Un non-luogo, dove solo un vecchio letto di ferro, un secchio, un piccolo sgabello e degli elastici, rappresentano tutto il mondo esteriore ed interiore di una donna sola, alla disperata ricerca di un senso per esistere attraverso la rinascita del corpo.

E’ una indagine sul rapporto di conoscenza tra noi ed il mondo che ci circonda, in un confronto continuo tra la vita ed il pensiero della vita. In questo labirinto i rapporti, oggetto e soggetto, forma e significato, corpo ed anima, vengono rimessi in discussione e assieme al corpo si destruttura anche il linguaggio di “senso logico”, a favore di una comunicazione basata su percezioni fisiche ed emotive.

Si manifesta la poesia dello spazio, del corpo, del suono che vibra leggera e potente nel cuore dello spettatore senza bisogno del senso che rimane sospeso tra gesto e pensiero.

La compagnia

Le Scimmie Nude, compagnia milanese costituitasi nel 2003 e diretta da Gaddo Bagnoli, fondano la loro metodologia su di un’ attenta scelta operata tra le più avanzate tecniche di recitazione teatrale di tutto il novecento: la Biomeccanica di Mejerchol’d, il teatro fisico di Grotowski e la pratica d’uso dei centri di Gurdjieff, nonché l’opera scientifica del filosofo William James.

Dal 2008, la ricerca della compagnia Scimmie Nude si è declinata in una trilogia (prodotta da Federica Maria Bianchi) di spettacoli originali: Pauraedesiderio, Macchine e Perversioni, a cui sono seguiti Alieni, Danza alla rovescia e Cromosomie.

Compagnia con vocazione internazionale, le Scimmie Nude operano a Milano e dintorni attraverso lo Spazio Scimmie Nude, sede del gruppo e della Scuola di teatro.

Nel 2013, al FIT Festival in Canada, Festival internazionale alla sua diciassettesima edizione,  Pauraedesiderio (Primo Capitolo della Trilogia d’Indagine sull’Uomo) è stato premiato come migliore spettacolo del Festival vincendo il Premio del Pubblico.

Gaddo Bagnoli – direttore artistico e regista

Nasce a Firenze il 23 gennaio 1966 e inizia la sua carriera teatrale come attore. Già a 16 anni inizia a frequentare la scuola di Arti Mimiche diretta dal grande maestro Orazio Costa Giovangigli, si diploma alla Scuola di Teatro di Bologna e contemporaneamente si laurea in Drammaturgia con il professor C. Meldolesi presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Bologna.

Continua la sua formazione con Vittorio Franceschi, Eugenio Barba e Cesar Brie, l’Utrecht School of The Art, M.Butchievic, Anatolj Vassiliev; viene diretto come attore da Egisto Marcucci, Lele Luzzati, Vito Molinari, Tonino Conte, Beni-Montresor.

Verso la metà degli anni ’90 sviluppa la sua vocazione principale, quella registica e, trasferitosi a Milano, nel 2003 fonda a Milano la compagnia Scimmie Nude di cui è direttore artistico.

La metodologia che Gaddo Bagnoli porta avanti alle Scimmie Nude è un’ attenta scelta operata tra le più avanzate tecniche di recitazione teatrale di tutto il novecento: la Biomeccanica di Mejerchol’d, il teatro fisico di Grotowski e la pratica d’uso dei centri di Gurdjieff, nonché l’opera scientifica del filosofo William James e Antonin Artaud, in particolare il suo lavoro sulla Crudeltà.

Dal 2008 Gaddo Bagnoli sviluppa la ricerca della compagnia Scimmie Nude declinandola nella creazione di spettacoli originali: con la produzione di Federica Maria Bianchi è nata così la Trilogia d’Indagine sull’Uomo (Pauraedesiderio, Macchine e Perversioni), a cui sono seguiti Alieni, Danza alla rovescia e Cromosomie nel 2015.

Nel 2013 con lo spettacolo originale Pauraedesiderio ha vinto il Premio del Pubblico al FIT Festival in Canada, confermando la vocazione internazionale della compagnia.

Sviluppa importanti progetti didattici per la formazione attorale all’interno della scuola di “Quelli di Grock” di Milano e dal 2008, anno della sua fondazione, è direttore didattico e insegnante della Scuola di Teatro Scimmie Nude.

Per specifiche: www.scimmienude.com

Sebastiano Bon – musicista

Dopo aver studiato pianoforte fino all’esame di compimento inferiore, si diploma in flauto traverso con il M.° Stefano Agostini, quindi si laurea in Storia della Musica. Frequenta seminari di perfezionamento con C. Klemm e A. Marion, nonché i corsi di jazz del C.A.M. Contemporaneamente si perfeziona in Tecnica Alexander.

Inizia a suonare professionalmente in vari gruppi, tra cui “Les Italiens” di Alessandro di Puccio, con cui incide un CD.

Fonda poi il quartetto “Les Bon(s) Amis”, nel quale suona flauto e sax tenore, proponendo composizioni ed arrangiamenti propri.

Nel 2001 collabora come musicista-attore allo spettacolo “Binario Jazz” di Gaddo Bagnoli. Nello stesso anno partecipa all’incisione del cd “Rosso fiorentino” di Alessandro Fabbri (etichetta Caligola).

Nel 2002 ottiene il riconoscimento di “Oustanding musicianship” ai seminari estivi della Berklee School of Music di Boston.

Fra il 2003 e il 2010 partecipa alle incisioni dei CD di Roberto Andreucci “Sopra le scale”, “Lo Spazio Rotondo” e “My blues stories”.

Nel 2004 fonda assieme a Leonardo Pieri e a Francesca Taranto un trio che propone arrangiamenti in chiave jazzistica di brani progressive rock.

Nel luglio 2006 partecipa come solista alla performance di Daniele Lombardi “Effetto Serra”, al giardino di Boboli di Firenze, assieme tra gli altri al percussionista Jonathan Faralli. Nello stesso anno è solista ospite nel cd “My Way Through The Jungle” di Franco Baggiani.

Nel maggio del 2008 presenta in un concerto a Villa Vogel il quartetto “CoolFluteProject”, con cui rilegge alcune grandi composizioni del cool jazz. Nello stesso anno forma un duo con il pianista Valerio Vezzani, con il quale esegue principalmente musiche di compositori francesi del ‘900 e di Piazzolla.

Sempre con Valerio Vezzani, e con l’aggiunta di Alessandro Fabbri e Franco Fabbrini, forma nel 2009 un quartetto che propone le suites per flauto jazz di C. Bolling.

Assieme a Francesco Canavese realizza per la compagnia teatrale di Milano “Scimmie Nude” le musiche di scena per “Amleto” (’02), “Pauraedesiderio” (’08), “Macchine – Sinfonietta per corpi e voci” (’10), “Perversioni” (’11) e “Sconnessioni-Alieni” (’12).

Alterna abitualmente il repertorio jazz e classico.

Dal 2009 tiene masterclasses sull’improvvisazione nell’ambito della rassegna “Flautisti in festa” e all’Istituto pareggiato “Boccherini” di Lucca.

Nel 2012 pubblica presso VigorMusic “Chicago Blues”, composizione jazz originale per quattro flauti. Le sue più recenti formazioni, per le quali arrangia e compone un repertorio originale, sono un duo per flauti (soprano, contralto e basso) e pianoforte, un trio flauti-voce-chitarra, codice3, e un quintetto di flauti jazz, la flutejazzgang.

Ha frequentato il Biennio Jazz al Conservatorio Cherubini di Firenze, laureandosi con lode. Giornalista, tiene conferenze, coordina convegni e rassegne, ed ha collaborato con Radio Montebeni, con Rete Toscana Classica, con diverse riviste specialistiche e con il web magazine “All About Jazz”. E’ autore, insieme ad Ilaria Bartolini, del volume “Teatri in Toscana – Storia, memorie e protagonisti dei maggiori palcoscenici toscani”, edito da Target nel ’99. Docente di ruolo di musica alle scuole medie, insegna flauto, flauto jazz e storia della musica.

Francesco Canavese –musicista

Chitarrista e compositore, studia musica e informatica musicale dal 1991. Ha all’attivo svariati anni di insegnamento in diverse scuole private, è docente di informatica musicale presso il Conservatorio di Bologna. Comincia la sua attività professionale come chitarrista nel 1995, con un gruppo di jazz-rock, iniziando una serie di collaborazioni e progetti di propria ideazione nel campo della musica jazz, latino-americana, rock. Ha all’attivo diverse incisioni in ambiti jazz e pop. Oltre alla chitarra studia banjo e suona in diversi gruppi dixieland.

Attivo anche in campo teatrale, ha partecipato alla produzione di spettacoli teatrali come musicista dal vivo e come autore di colonne sonore. Dal 2000 inizia una intensa collaborazione col centro di produzione, ricerca e didattica musicale Tempo Reale (http://www.temporeale.it) di Firenze, lavorando con lo staff di produzione musicale, con compositori di fama nazionale ed internazionale e collaborando con le maggiori istituzioni e teatri italiane ed europee. http://www.francescocanavese.it

***

DANZA ALLA ROVESCIA

Insurrezione fisica

Uno spettacolo di Gaddo Bagnoli

Con Claudia Franceschetti

Musiche originali Sebastiano Bon e Francesco Canavese

Costumi Ilaria Parente

Realizzazione scenografica Andrea Cavarra

Foto Margherita Busacca

Durata: 55 minuti senza intervallo

Produzione Scimmie Nude 2014

info@scimmienude.comwww.scimmienude.com